mobil-m-farmacia-del-futuro-intervista-punto-effe

Il domani? E’ già oggi.

Quando si sente parlare della “farmacia di domani”, la prima reazione è spesso di malcelato scetticismo. Tra le cause la paura dei titolari di imbarcarsi in operazioni che possano rivelarsi un boomerang. Forse il segreto sta nel pensare che il domani, in realtà, è già arrivato.

Noi crediamo da sempre nel futuro di questo mercato, lo dimostrano gli sforzi fatti negli anni per dare a voi soluzioni sempre innovative ed al passo con i tempi: i progetti di RESTYLiNG®, il concept SMART PHARM per le nuove farmacie che devono aprire ed una serie di strumenti di comunicazione e gestione dello spazio in continua evoluzione.
Siamo certi però che per affrontare bene il futuro vadano poste premesse solide oggi.

Premesse fatte di progettazione, pianificazione ed integrazione di quanto propone di nuovo il mercato all’interno delle farmacie. L’argomento è ricco e ne abbiamo parlato a Cosmofarma e tutti i giorni con quanti di voi abbiamo incontrato. La farmacia oggi deve essere fluida e in grado di cambiare velocemente. Deve assorbire gli input del mercato adattandoli alle proprie esigenze, non rigettandoli come qualcosa di non conosciuto. Deve imparare nuovi linguaggi per arrivare ovunque, garantendo a tutta la popolazione il servizio di prevenzione e cura che questa si aspetta.

MOBIL M vi segue nel vostro percorso di differenziazione e posizionamento sul mercato, con soluzioni praticabili e vincenti, sia oggi che in futuro.Di questo ed altro abbiamo parlato con la Redazione di Punto Effe. Non perdetevi l’articolo completo che uscirà sul numero 9 in uscita dal 19 Maggio, a cura di Giuseppe Tandoi.

__________________________________

A seguire un breve estratto dell’intervista tratta da Punto Effe N.9 Maggio 2016

«Noi da sempre crediamo nel futuro di questo mercato e nell’innovazione, ma siamo altrettanto certi che per affrontarlo bene vadano poste le premesse oggi. Il presente è già estremamente ricco di soluzioni e input da cogliere».
[…]
Quello che fa veramente la differenza, infatti, è la visione del committente. Noi come progettisti e consulenti aiutiamo i nostri clienti a formare la loro visione e a pianificare e costruire il loro posizionamento nel mercato. Il posizionamento è un concetto chiave. Solo dopo aver veramente capito chi si sia e quale proposta si voglia fare al consumatore si è pronti ad affrontare il “progetto” vero e proprio: layout, forniture, comunicazione e allestimento, tradotti in una strategia visiva del punto vendita. Non si tratta più di ottimizzare lo spazio per ottenere il maggior numero di metri lineari possibili, per poi decidere un allestimento di prodotto, ma invece di ottenere metri di qualità, in misura utile al singolo progetto, definendo a tavolino i reparti e la strategia di vendita e consiglio. Grazie a questa operazione ogni area della farmacia è definita a priori come quantità e qualità dell’assortimento, studiata nelle sue possibilità di interagire con il pubblico, di generare emozionale e integrata, ove necessario, con sistemi di scaffale digitale, per supplire alle mancanze di spazio evidenziate in fase di organizzazione del progetto.
[…]
Il presente, non il futuro, ci dice che si va verso un rapporto sempre più personale tra azienda e consumatore, con l’avvento di tecnologie smart e nuove tecniche di presentazione e formazione alla vendita, che posizionano il cliente e la sua percezione al centro delle operazioni.
[…]
Si possono fare grandi progetti sia rimanendo indipendenti, sia inserendosi in un circuito, sempre garantendo qualità del servizio e la professionalità richiesta ai
farmacisti da un pubblico sempre più informato ed esigente. Il vero punto è quanto il farmacista singolo sia disposto a cedere della sua indipendenza, in cambio di servizi strutturati e centralizzati che possano potenziare il business a livello locale.
[…]
Una farmacia strutturata e organizzata è come un sistema operativo. Garantisce sempre in modo fluido le funzioni principali ma deve essere in grado di ospitare anche logiche più avanzate, sviluppate a livello centrale (o in cloud) per abbattere i costi: digital signage promossi dai fornitori, sistemi di analisi e servizi in telemedicina, classi di formazione al personale e ai clienti su prodotti e servizi, aree di prodotto date in gestione. Una farmacia che sia quindi un hub di proposte e servizi, condotto dal titolare e dal suo team, opportunamente formato ed allineato.
[…]
Sceglieremo una farmacia per il suo mix di sensazioni, empatia con lo staff, assortimento di prodotto, servizi proposti, rapportato alla distanza da dove una persona si trovi.
Un mix che è e deve essere differente per ognuno di noi e di voi.

Falla girare!Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn